FEDERICO CARTELLI – CONTRO IL PENSIERO BREVE

 10,00

Capire la crisi delle democrazie liberali
La Vela – 2018, Pagine 96

Oggi in democrazia prevalgono le emozioni e gli istinti irrazionali

 

Descrizione

Le democrazie liberali si stanno progressivamente trasformando in democrazie emozionali: alla rappresentanza degli interessi e delle istanze si è sostituita la delega delle pulsioni e degli istinti.

Lo statista è stato rimpiazzato dal politico artificiale, prodotto in laboratorio dagli onnipresenti spin doctors che studiano gli algoritmi, analizzano i big data, pesano i sondaggi, sondano il web, contano i followers, carpiscono gli umori dell’opinione pubblica per convertirli prima in like e poi in voti.

Le fratture sociali non vengono più riassorbite dalla mediazione dei partiti e il pensiero breve ha contaminato la comunicazione: ma la complessità dei nostri tempi può essere analizzata e compresa solo con una rinnovata consapevolezza basata sulla razionalità.

Altrimenti, si rischia di andare incontro a un’instabilità cronica dei sistemi istituzionali dagli esiti imprevedibili.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “FEDERICO CARTELLI – CONTRO IL PENSIERO BREVE”