RICOSSA, SERGIO – La Fine Dell’Economia

 15,00

Saggio sulla perfezione

Un’aperta denuncia del tipo di economia politica che ha dominato il Novecento

Edizioni: Rubbettino-Facco   Anno: 2006   pag. 225

COD: 018-642 Categoria:

Descrizione

 

È un vero classico contemporaneo, questo che l’Istituto Bruno Leoni, Facco editore e Rubbettino rieditano a vent’anni di distanza dalla sua prima pubblicazione.

La fine dell’economia. Saggio sulla perfezionetestimonia la straordinaria abilità con cui Sergio Ricossa sa indagare le questioni economiche in ogni loro implicazione teorica: accettando di affrontare gli interrogativi filosofici e perfino teologici che spesso le discussioni sulla moneta o sul valore finiscono per portare alla luce.

La fine dell’economia è un’aperta denuncia del tipo di economia politica che ha dominato il Novecento, all’insegna della pianificazione, dell’inflazionismo keynesiano e socialdemocratico, della volontà di regolamentare tutto il regolamentabile.

Nell’esaminare il continuo rattrappirsi degli spazi di libertà individuale, Ricossa riconduce la quotidiana hybris dell’economista ad una visione filosofica ben precisa: il perfettismo.

Programmazione e redistribuzione, allora, sono il prodotto di mitologie moderne (ma in parte sempiterne) volte a negare i limiti stessi dell’uomo.

Figlia dell’incapacità a cogliere la grandezza dell’umano proprio nella sua miseria, l’ambizione alla perfezione si traduce così nella costruzione ingegneristica di un mondo dove, senza margini di libertà, le opportunità di crescere e arricchirsi, ma anche di vivere e imparare, vanno scomparendo.

(Prefazione di Enrico Colombatto)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “RICOSSA, SERGIO – La Fine Dell’Economia”