Sold Out!

Guglielmo Piombini – Il Medioevo delle Libertà

 16,00

IN RISTAMPA

Data d’uscita: 10 settembre 2020

Con contributi di Pietro Adamo, Raimondo Cubeddu, Carlo Lottieri, Marco Respinti

Nuova edizione ampliata con il saggio di Guglielmo Piombini, L’importanza della rivoluzione comunale nella storia europea

Leonardo Facco Editore-goWare

2020, Pagine 220

 

Esaurito

Descrizione

Un motivato invito a rileggere il Medioevo
senza stereotipi
Raimondo Cubeddu, docente dell’Università di Pisa

 

Un’aperta apologia liberale del Medioevo, un’epoca ancora
immune dai veleni dello Stato moderno
Carlo Lottieri, docente dell’Università di Verona

 

La storiografia contemporanea ha dimostrato l’infondatezza della tradizionale raffigurazione del Medioevo come parentesi oscura e stagnante tra l’antichità classica e il Rinascimento. Quella medievale fu una delle società più ricche di inventiva che la storia abbia mai conosciuto. Basti pensare alla rivoluzione nei metodi di coltivazione, i mulini, la stampa, la polvere da sparo, gli occhiali, l’orologio meccanico, la bussola, i vetri alle finestre, il sapone, le università e mille altre cose. La ragione principale di questo dinamismo, che permise alla società europea di superare il resto del mondo, è l’assenza di quell’ingombrante e soffocante istituzione moderna chiamata Stato. L’universo politico dell’epoca di mezzo era infatti largamente decentralizzato, fondato su magistrature affidate ai cittadini più influenti, su forze armate costituite riunendo le forze sociali quando la situazione lo imponeva, su mezzi finanziari raccolti in caso di bisogno presso i maggiorenti della società.

 

INDICE DEL LIBRO

Il Medioevo delle libertà, di Guglielmo Piombini

1. La fine della leggenda nera…………………………………………………………………………………………………………….5
2. Il feudalesimo come ordine naturale della proprietà…………………………………11
3. Una società senza monopolio della forza………………………………………………………………..17
4. Legge senza Stato………………………………………………………………………………………………………………………………….25
5. Privatizzazione e globalizzazione del diritto:
la lex mercatoria……………………………………………………………………………………………………………………………………………..30
6. Santificazione della proprietà privata………………………………………………………………………….36
7. L’origine medievale del capitalismo………………………………………………………………………………..39
8. La progressiva affermazione dello Stato moderno……………………………………44
1. La Francia del Trecento……………………………………………………………………………………………………………….45
2. La Riforma protestante………………………………………………………………………………………………………………48
3. La Rivoluzione francese………………………………………………………………………………………………………………..51
4. La Prima guerra mondiale e l’era socialdemocratica…………………………………….57
9. Medioevo libertario prossimo venturo………………………………………………………………………64

Commenti a “Prima dello Stato” di Pietro Adamo………………………………………………..71
1. Per un nuovo romanticismo…………………………………………………………………………………………………….71
2. Simpatia per il cattolicesimo…………………………………………………………………………………………………..75
3. Ha senso parlare di libertarismo prima dell’età moderna?………………………83

Luci e ombre del Medioevo, di Raimondo Cubeddu…………………………………………….86

Teoria libertaria, Christianitas e modelli istituzionali
medievali, di Carlo Lottieri………………………………………………………………………………………………………………….94

Dell’America medioevale; considerazioni su un “Nuovo
Mondo antico” di Marco Respinti…………………………………………………………………………………………..108
Che cosa è il cosiddetto Medioevo?………………………………………………………………………………….109
Le ragioni di una critica…………………………………………………………………………………………………………………..122
La Magna Europa………………………………………………………………………………………………………………………………….124
Medioevo e conservatorismo……………………………………………………………………………………………………129
Per una prima conclusione…………………………………………………………………………………………………………164

L’importanza della rivoluzione comunale nella storia europea,
di Guglielmo Piombini…………………………………………………………………………………………………………………………..166
1. La legge di gravità del Potere……………………………………………………………………………………………….166
2. Il dispotismo orientale………………………………………………………………………………………………………………167
3. Due luci nell’antichità: i Fenici e i Greci……………………………………………………………….170
4. L’interludio romano…………………………………………………………………………………………………………………..172
5. Il crollo dell’Impero romano d’Occidente…………………………………………………………..174
6. L’anarchia feudale………………………………………………………………………………………………………………………….176
7. Concepite nella libertà………………………………………………………………………………………………………………180
8. Una rivoluzione politica………………………………………………………………………………………………………….184
9. La rivoluzione costituzionale delle città italiane……………………………………………186
10. La rivoluzione commerciale del Medioevo………………………………………………………..191
11. Le città, culle del capitalismo……………………………………………………………………………………………194
12. La nascita della borghesia…………………………………………………………………………………………………….197
13. Tre secoli d’oro………………………………………………………………………………………………………………………………..201
14. I vantaggi della disunità politica…………………………………………………………………………………203
Ringraziamenti……………………………………………………………………………………………………………………………………………..209
Indice dei nomi e dei luoghi citati………………………………………………………………………………………….211

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Guglielmo Piombini – Il Medioevo delle Libertà”