RICOSSA E ALTRI – Contro Lo Stato Massimo

 9,30

Gli atti del convegno “Contro lo Stato massimo” organizzato dal Cidas: saggi di Angeletta, cavalla, di Robilant e Ricossa

Edizioni: Liberilibri   Anno: 1998   pag. 69

COD: 018-518 Categoria:

Descrizione

 

Indice del libro

Enrico di Robilant, L’esigenza di criticità di fronte allo Stato massimo
Francesco Cavalla, Etica e giustizia nella società complessa
Sergio Ricossa, Economia e Stato massimo
Adolfo Angeletti, La produzione e l’applicazione delle leggi nella società complessa

Il fenomeno politico più vistoso dell’ultimo secolo e mezzo di storia è la caduta del mito della sovranità per diritto divino. Ma la restituzione al popolo della fonte del potere, invece che condurre a una reale liberazione dell’individuo, si è rivelata una semplice transumanza fra recinti egualmente oppressivi e mutilanti. Un’altra tirannia si è sostituita a quella tradizionale.

Il nuovo despota, odioso e invadente quanto il vecchio, per asservire i sudditi ha assunto vesti più accattivanti. Dismessi i panni non più presentabili della teocrazia, il Leviatano ha indossato quelli della democrazia (maoista, socialista, sovietica, liberale…). Il risultato è comunque lo stesso: esproprio progressivo delle libertà, dei diritti, del patrimonio dell’individuo da parte di una ristretta oligarchia che con espediente retorico si fa chiamare “Stato”; regressione del cittadino al rango d’inabilitato-interdetto giudiziale. Di qui gli Infiniti del civilissimo Stato democratico: informare, istruire, curare, educare, tutelare, garantire, concedere, vietare, obbligare, negare, tassare, coartare, autorizzare, reprimere, disciplinare, soffocare, prevenire, controllare, inibire, interdire, spiare, pedinare, intercettare, indagare, inquisire, schedare, criminalizzare, incarcerare, accusare, processare, giudicare, condannare, incarcerare di nuovo, punire, perdonare, umiliare… su cui tutti dovremmo interrogarci.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “RICOSSA E ALTRI – Contro Lo Stato Massimo”