BASSANI, LUIGI MARCO – Marxismo E Liberismo

(1 recensione del cliente)

 23,00

NEL PENSIERO DI ENRICO LEONE

L’originale figura di Enrico Leone, un sindacalista rivoluzionario favorevole al liberismo più radicale

Edizioni: Giuffrè   Anno: 2005   pag. 252

Descrizione

Per alcuni aspetti soreliano, ma convinto assertore del naturale pacifismo del proletariato e quindi contrario alla violenza, come a tutte le guerre, Enrico Leone rappresenta un “”sentiero interrotto”” della sinistra italiana ed europea.
Nei primi anni del Novecento egli cercò infatti, con peculiare determinazione, di utilizzare i contributi scientifici delle scuole etiliste, liberali e conservatrici per fornire basi più convincenti alla riflessione socialista del suo tempo. Il risultato della sua revisione del marxismo fu una sorta di “”socialismo di mercato””, liberista e libertario, che, salvando lo “”scopo finale”” (il sovvertimento del sistema capitalistico), propone però il massimo grado di libertà economica e sociale, nella convinzione che lo Stato sia un’istituzione per sua natura violenta e parassitaria, d’impaccio sia per i capitalisti che per i proletari.
Il libro costituisce un’opera originale, profonda ed esaustiva sul pensatore più importante del sindacalismo rivoluzionario italiano.

1 recensione per BASSANI, LUIGI MARCO – Marxismo E Liberismo

  1. Guglielmo Piombini

    Recensione di Carlo Lottieri

    Quella di Enrico Leone è una figura controcorrente, e bene ha fatto Luigi Marco Bassani a dedicargli un eccellente studio. Il volume aiuta a comprendere come tale autore sia stato rigettato dai moderati a causa del suo spirito rivoluzionario, e rifiutato dai progressisti a causa del suo netto liberismo.

    Eppure proprio questa “eccentricità” potrebbe fare di Leone un punto di riferimento utile a quanti vogliono cercare sentieri nuovi. Espressione di un’estrema sinistra che ora non esiste più, egli sapeva schierarsi con i più deboli e al tempo stesso era determinata a rigettare ogni forma di statalismo, pianificazione, spesa pubblica.

    Così, quando nel 1904 venne costituita una Lega antiprotezionista il manifesto fu sottoscritto da un gruppo di liberali di tradizione classica come De Viti De Marco o Giretti, ma anche dai socialisti dell’ala sindacalistica: Arturo Labriola, Romeo Soldi e – appunto – Enrico Leone. E all’interno di quest’area, egli fu certo la figura intellettualmente più originale.

    Direttore del periodico Divenire Sociale (l’organo dei sindacalisti rivoluzionari su comparvero pure articoli di Benito Mussolini), Leone ebbe una particolare vocazione per la riflessione teorica. È sufficiente leggere il volume del 1909 su La revisione del marxismo per cogliere come si sia di fronte ad marxista che ha avuto il merito di comprendere le ragioni (morali, economiche, giuridiche) dell’economia di mercato. Per anni il suo sforzo sarà quello di coniugare il socialismo e le teorie liberiste più innovative che andavano emergendo.

    Economista assai acuto, Leone vive con drammaticità la crisi del marxismo di fine Ottocento. In particolare, nei suoi scritti il sindacalismo diventa il punto di partenza per una riflessione inedita intorno alla lotta di classe, che riscopre – inconsapevolmente – la lezione di quei liberali francesi che avevano opposto i gruppi tutelati dal potere pubblico (parassiti) e quelli privi di protezioni (produttori).

    Ma il nodo cruciale che più inquieta lo studioso napoletano è il tema del valore-lavoro. Soprattutto nel Capitale, Marx si era autorappresentato quale fondatore di una teoria che spiegava la realtà a partire dai rapporti materiali: intesi come rapporti economici. Leone avverte però come tutto ciò si basi su quella concezione del valore-lavoro ormai completamente screditata.

    Egli coglie le aporie della teoria marxiana e – di conseguenza – delle stesse tesi sullo sfruttamento capitalistico. Se il marginalismo è riuscito a buttare nella spazzatura della storia l’idea che il valore di un bene sia da ricondursi alla quantità di tempo necessario a produrlo, allora appare screditata la stessa idea secondo cui il capitalista sottrarrebbe un plus-valore all’operaio.

    Avido lettore degli autori liberali, Leone accoglie la sfida lanciata dai “marginalisti” (Jevons, Menger e Walras) e al tempo stesso si rifiuta di reinventare un Marx sottratto da ogni rapporto con la riflessione materiale. Se la vulgata marxista novecentesca sarà per lo più hegeliano-marxista (da Lukacs alla scuola di Francoforte), Leone tenta di essere fedele a Marx stesso, ripensandone la teoria entro le logiche della nuova scienza economica. L’esito di tale scelta è un marxismo anomalo: massimalista, estremo e destinato a sganciarsi sempre di più dai capisaldi del socialismo.

    D’altra parte, nella lettura che egli ne diede «il sindacalismo non è meno severo del liberismo contro la concezione statalistica della produzione».Il vero grande avversario di Leone si rivela quindi essere il socialismo di un Filippo Turati e, alla fine, sarà proprio la sua vena libertaria ad allontanarlo sempre più dalla tradizione marxista. Leone rigetta il socialismo “giolittiano” perché non nutre alcuna illusione in merito alla possibilità di conquistare lo Stato per piegarlo alle ragioni della giustizia. Se la vera frattura di classe ha origini politiche (e statuali) ben più che economiche (e capitalistiche), è allora un’ingenuità imperdonabile quella di chi pretende di conquistare il potere per modificarlo “dall’interno”.

    Nella sua monografia, Bassani sottolinea come nel corso della storia il marxismo abbia finito per celebrare il potere. E lo stesso Engels afferma che occorre “concentrare sempre più nelle mani dello Stato tutto il capitale, tutta l’agricoltura, tutta l’industria, tutti i trasporti, tutti gli scambi”.

    Da parte sua, invece, Leone non smette mai di avversare la coercizione organizzata; e per il medesimo motivo egli rigetta la violenza politica e le logiche “soreliane”. Quando il movimento sindacale italiano si trova coinvolto in scioperi di massa, la sua posizione sul rigetto della violenza è netta. Egli sostiene che essa è dannosa in primo luogo ai lavoratori stessi, ma è pure evidente come egli nutra un rigetto morale di fronte all’ipotesi di prevalere con la prepotenza e l’intimidazione.

    È nel suo sforzo di restare fedele alla lezione di Marx che Leone finisce per allontanarsi da lui. In effetti, negli ultimi scritti Leone abbraccia un liberismo assai “realista” e rivoluzionario, che denuncia i consolidati meccanismi di sfruttamento controllati dal ceto politico. Per lui lo Stato è nemico in quanto è Stato, e non perché solo perché “borghese”.

    Intellettualmente isolato e marginalizzato dal dibattito intellettuale e dal “nuovo corso” della storia europea, nel corso degli anni Trenta egli finirà la propria vita recluso in un manicomio. E si tratta forse di un esito non incoerente con la vicenda intellettuale di uno studioso che aveva osato immaginare l’impossibile e che solo oggi possiamo tornare a riscoprire.

    Da L’Indipendente, 15 ottobre 2005

    **************

    Recensione di Alberto Mingardi

    «Non v’è che una cosa sola di reale in società:l’individuo». La citazione appartiene non a qualche noto campione della scuola austriaca, ma a Enrico Leone, personalità maiuscola del sindacalismo italiano, fautore di un «liberismo del proletariato» che rappresenta uno dei «sentieri interrotti» nella storia della sinistra italiana. A batterlo palmo a palmo ci pensa un saggio profondo e acutissimo di Luigi Marco Bassani, Marxismo e liberismo nel pensiero di Enrico Leone. Bassani conduce il lettore in un’appassionata indagine delle critiche di Leone a Marx. Per Leone, Marx aveva «trascurato completamente ogni qualsiasi esame della natura umana» e così «la teoria del valore di Marx è una costruzione del tutto ideologica, tendente a raffigurare come elementi trascurabili e perturbanti tutti gli elementi dello scambio attraverso il quale esso si estrinseca». Il pensatore casertano assorbe e metabolizza le devastanti critiche al marxismo sviluppate dall’economia marginalista, Eugen von Böhm-Bawerk e Vilfredo Pareto in primis.Il metodo di Marx agli occhi di Leone diventa non «una scienza dell’economia capitalistica» ma «un filosofare economico sulla società capitalista» – il suo persistente, affettuoso attaccamento all’elaborazione marxiana non scalfisce la realtà di quello che Bassani definisce un «divorzio».

    Marxismo e liberismo nel pensiero di Enrico Leone esamina in dettaglio non solo le sue analisi d’economia, ma pure le indagini compiute nel solco della teoria politica – le une avendo funzione inevitabilmente ancillare rispetto alle altre. Ammesso che Leone mira nell’impossibile direzione di un «mercato senza capitalismo» gemellato con un «socialismo senza statalismo», Bassani si interroga su quali siano le fattezze di un «ircocervo» irriducibile alle più familiari fattezze del cosiddetto «socialismo liberale», proprio perché sorto su speranze di opposta intonazione. Da una parte, c’è l’accettazione della cornice democratica, l’abiura dei mezzi rivoluzionari per conseguire fini pure non diversi. Dall’altra, c’è l’accettazione del liberismo proprio nelle sue sfumature più rivoluzionarie, nella sua taciuta vocazione – per quanto cristallizzata nell’ottocentesco ordine «borghese» – di fare detonare consolidati meccanismi di sfruttamento. Per Leone, lo Stato è nemico perché Stato, e non perché borghese. «Lo Stato è un organo di distruzione e non di creazione economica, è un intralcio e non un elemento fattivo dello sviluppo delle ricchezze», scrive coltivando un vocabolario non diverso rispetto a quello, ad esempio,di Frédéric Bastiat («lo Stato è la grande illusione attraverso la quale tutti cercano di vivere alle spalle di tutti gli altri»).

    L’osservazione di Gramsci per cui «l’essenza ideologica del sindacalismo è un liberalismo più energico, più aggressivo, più pugnace di quello tradizionale» assume salienza leggendo il libro di Bassani. Che certo non tace gli aspetti più peculiarmente socialisti del pensiero leoniano, ma riesce a spiegare come mai egli immaginasse più agevole il cammino verso una società egualitaria facendo leva su una concorrenza «in tutti i campi», che viceversa sottraendo la produzione all’iniziativa privata. Il programma «genuinamente rivoluzionario e non violento»,volto ad espropriare gli espropriatori, di Enrico Leone può suscitare più simpatia che obiezioni fra quanti si riconoscono nella tradizione del liberalismo classico. E sollevare dubbi, sui tempi e modi di un’appartenenza, nel concerto delle molte scuole socialiste.

    da Il Riformista, 9 agosto 2005

Aggiungi una recensione